user_mobilelogo

Art.1
È costituita un'associazione con la denominazione AGIFAR (Associazione giovani farmacisti) COSENZA. L'associazione ha sede legale in C.so Telesio, 5 Cosenza.

La durata dell'Associazione è a tempo indeterminato.

Art.2
L'associazione, apolitica e senza fini di lucro, intende perseguire i seguenti scopi:

1.integrare attraverso l'organizzazione o la partecipazione a corsi, congressi, seminari, la preparazione del socio in tutti gli aspetti che possano essere utili ad una corretta e completa formazione professionale;

2.promuovere attività sportive, ricreative e Turistiche;
3.attuare iniziative di educazione sanitaria di intesa con la Regione, i Comuni, le aziende territoriali sanitarie, i distretti socio-sanitari e nelle scuole di ogni ordine e grado;

4.favorire la formazione e preparazione dei giovani farmacisti;
5.favorire la preparazione culturale e post-universitaria dei soci mediante l'organizzazione e la partecipazione a corsi di aggiornamento, seminari e congressi;

6.partecipare alla vita universitaria tramite collaborazione con gli organismi rappresentativi degli studenti;
7.collaborare all'editoria non solo di settore con articoli e contributi scientifici

8.stabilire rapporti di reciproca collaborazione con tutte le organizzazioni di categoria;

9.rappresentare a livello locale, nei limiti delle proprie competenze, i Giovani Farmacisti ad essa aderenti;

10.aderire ad organizzazioni regionali nazionali ed internazionali di categoria che non siano in contrasto con lo statuto dell'associazione stessa.

Art.3
Possono associarsi ad AGIFAR tutti i laureati nei corsi di laurea di Farmacia o CTF che non abbiano compiuto il 38° anno di età al momento della richiesta di iscrizione.
Possono altresì associarsi gli studenti iscritti ai corsi di laurea di farmacia o CTF in misura non superiore al 30% degli iscritti totali laureati.

La domanda di adesione, redatta per iscritto, viene posta all’ordine del giorno della prima convocazione del Consiglio Direttivo successiva al ricevimento della richiesta.

Il Consiglio Direttivo approva con maggioranza semplice dei Consiglieri presenti la richiesta di Associazione.

L’iscrizione decorre, a tutti gli effetti, dalla data di delibera di ammissione del Consiglio Direttivo.

Il Consiglio Direttivo dell'Associazione ha facoltà di respingere la domanda se non siano rispettati i requisiti formali di ammissione. Tale decisione è appellabile dinanzi al Consiglio dei Probiviri entro 30 giorni dalla notifica all'interessato.
Con l'iscrizione l'associato si impegna a rispettare lo Statuto e rispettivi regolamenti, a partecipare attivamente alle iniziative intraprese per il conseguimento degli scopi associativi, nonché a non aderire ad altre Associazioni aventi scopi confliggenti con quelli dell’AGIFAR e di FE.N.A.GI.FAR. o ad altre organizzazioni di categoria la cui disciplina statutaria sia in contrasto con le norme del presente Statuto.

AGIFAR non può associare giovani Farmacisti già iscritti presso Associazioni fra i giovani farmacisti di altre province ovvero di altre Regioni.

Art.4
La quota associativa è definita, su proposta del Consiglio Direttivo, dalla Assemblea dei soci.

Art.5
I soci sono:
Fondatori - sono tali coloro che hanno cooperato attivamente per addivenire alla costituzione dell'Associazione; versano la quota associativa, hanno diritto di voto attivo e passivo, usufruiscono dei servizi e delle strutture delle associazioni. A scadenza dei requisiti di cui all’art 3, verranno parificati ai soci Onorari.

Effettivi - Sono tali gli associati in regola con le contribuzioni, hanno diritto di voto attivo e passivo, usufruiscono dei servizi e delle strutture dell'associazione.
Onorari - Sono tali coloro che, pur non possedendo i requisiti richiesti dall'Art.3, per decisione unanime del Consiglio Direttivo ricevono tale riconoscimento, sono invitati a partecipare alla vita dell'Associazione e possono, su richiesta del Consiglio Direttivo, esprimere il proprio parere su casi di interesse generale.
Sostenitori - sono tutti coloro che liberamente versano contributi a favore dell'associazione condividendone le finalità culturali e formative. Tali soggetti, pur non acquisendo la qualifica di associati, possono essere invitati a discrezione del Consiglio a partecipare alle assemblee degli associati per esprimere un parere consultivo sugli argomenti in trattazione.

Art. 6
Sono causa di cessazione della qualità di socio:

morte

dimissioni

cessazione dei requisiti previsti dall'art. 3) Ai fini del presente Statuto. Se il socio effettivo al momento del raggiungimento del suddetto limite di età, ricopre una qualsiasi carica sociale in seno alla AGIFAR di Cosenza, può rimanere in carica fino al compimento del suo mandato.

espulsione per inosservanza dello Statuto. In caso di inosservanza dello Statuto o per gravi ed evidenti pubblici motivi, il Consiglio Direttivo può deliberare la sospensione o l'espulsione dell'associato. Quest'ultimo può appellarsi al Collegio dei Probiviri entro 30 giorni dalla notifica del provvedimento.
La cessazione della qualità di socio non dà diritto al rimborso dei versamenti né alla liquidazione di somme o ripartizione dei beni facenti parte del fondo comune che è indisponibile per i soci.

Art. 7
Sono organi dell’Associazione:

  • Il Presidente
  • Il Consiglio Direttivo 
  • L’Assemblea Generale dei Soci
  • Il Collegio dei Probiviri
  • Il Collegio dei Revisori dei Conti

Tutti gli Organi dell’Associazione durano in carica 3 anni.

Art. 8
L’Assemblea generale dei soci deve tenersi almeno una volta all’anno entro aprile per discutere il bilancio dell’anno precedente.

Deve essere convocata, con tanto di Ordine del Giorno, dal Presidente o da chi ne fa le veci mediante avviso spedito a tutti gli associati e può essere mandato in qualunque forma si voglia - social, mail, sms, chat, ecc.. purché ci sia la certezza che il socio riceva la comunicazione. Il presidente deve in ogni modo convocare l'assemblea quando ne viene richiesto dalla maggioranza dei componenti del Consiglio ovvero da un quarto del numero degli iscritti.
Le assemblee sono validamente costituite con la presenza, in proprio o in delega, in prima convocazione di almeno la metà degli iscritti che hanno diritto di intervenire, in seconda convocazione qualunque sia il numero dei soci o dei voti portati in delega; le deliberazioni sono prese a maggioranza dei voti dei presenti. Il Presidente dell’associazione è di diritto Presidente dell'Assemblea; in sua assenza il Presidente è nominato dall'Assemblea.
Per eventuali modifiche statutarie e per lo scioglimento della Associazione occorre il voto della maggioranza del 50% +1 degli aventi diritto al voto.

Spetta alll’Assemblea:

- deliberare l’elezione del Consiglio Direttivo, dei Sindaci e dei Probiviri (se presenti), nonché i casi di surroga, nel caso di cessazione degli eletti alla carica;

- approvare i bilanci, consuntivo e preventivo;

- determinare le quote associative;

- condividere /approvare, col Consiglio Direttivo, il programma annuale delle attività;

- deliberare sulla modifica dello statuto;

- deliberare sullo scioglimento dell'associazione.

Art. 9
Ciascun socio ha diritto ad un voto e sono esclusi dal voto i soci sostenitori ed i soci onorari; non hanno diritto al voto gli Associati non in regola con il versamento dei contributi sociali e quelli sospesi ai sensi dell’articolo 6 punto 4.

Art. 10
Il Consiglio Direttivo è composto da 9 membri, cui si aggiunge, se non è rieletto nel Consiglio Direttivo, il presidente uscente in qualità di past-president e senza diritto di voto, e dura in carica tre anni. Possono essere eletti nel Consiglio Direttivo tutti i soci Agifar in regola con la quota associativa. I posti in consiglio sono attribuiti secondo l'ordine del numero di voti acquisiti.

Art. 11
Il Consiglio Direttivo:

  • delibera sulle domande di ammissione dei soci, nonché sulle eventuali sanzioni nei loro confronti;
  • elegge tra i suoi membri il Presidente, un Vice-Presidente, il Segretario, il Tesoriere;
  • ha i più ampi poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione in riferimento all’oggetto sociale, per l’attuazione delle finalità previste dallo statuto e delle decisioni dell'assemblea dei soci;
  • può nominare un Comitato esecutivo, di non più di cinque membri (o più, o meno, in relazione al numero dei Consiglieri), cui demandare la realizzazione delle proprie delibere; può delegare a singoli consiglieri l’esecuzione delle delibere medesime;
  • emana e modifica il regolamento di attuazione dello Statuto;
  • propone all’Assemblea la misura delle quote associative e/o contributive dovute dagli associati;
  • nomina i delegati in rappresentanza dell’Associazione presso altre associazioni a cui essa potrebbe aderire (ad es la stessa Fenagifar);
  • può delegare le proprie attribuzioni ai sensi dell’art.2381 del codice civile (che si riferisce alle cooperative…); redige il rendiconto economico e finanziario ed il bilancio preventivo per sottoporli all’Assemblea ordinaria entro il mese di Aprile per l’approvazione;
  • provvede a mettere a disposizione degli associati il rendiconto ed il bilancio preventivo presso la sede dell’Associazione, entro 10 giorni precedenti la seduta dell’Assemblea di approvazione.

Le deliberazioni vengono adottate a maggioranza dei presenti; nelle votazioni, in caso di parità, prevale il voto del presidente.

Art. 12
Il Consiglio Direttivo si riunisce anche fuori dalla sede sociale, con avviso spedito a cura del suo Presidente di almeno tre giorni prima della riunione (o con preavviso  di 24 ore nei casi di urgenza), è validamente costituito con la presenza di almeno metà più uno dei membri e può deliberare liberamente.

Art. 13
Il Presidente del Consiglio Direttivo presiede il Consiglio Direttivo, dirige l’attività della Associazione secondo le deliberazioni dell’Assemblea e del Consiglio stesso.
Egli ha la rappresentanza legale dell’Associazione di fronte ai terzi e in giudizio. Al Presidente spetta la firma degli atti sociali che impegnino l’Associazione sia nei riguardi dei soci che dei terzi; egli è, altresì, autorizzato ad eseguire incassi di ogni natura ed a qualsiasi titolo da Pubbliche amministrazioni e da privati, rilasciandone liberatorie quietanze.
Il Presidente, in caso di impedimento o assenza, viene sostituito dal vicepresidente; nel caso in cui anche questi fosse impedito o assente subentra il Consigliere più anziano di età. In caso di cessazione del Presidente il Consiglio Direttivo nella veste del Vicepresidente deve indire entro 30 giorni le elezioni per la carica vacante. Fino a quel momento il ruolo di Presidente è affidato al vicepresidente.

Art. 14
Il vice-Presidente viene eletto in seno al consiglio insieme alle altre cariche e ricopre il ruolo di sostituire appieno il Presidente in caso di sua assenza.

Art. 15
Il Past-President è di diritto il Presidente del precedente mandato, ha ruolo consultivo nel Consiglio e non ha diritto di voto.

Art. 16
Il Segretario viene eletto in seno al consiglio insieme alle altre cariche e ha il compito di redigere e conservare i verbali delle sedute del Consiglio, attendere alla esecuzione delle delibere collaborando con il Presidente.

Art.17
Il Tesoriere è eletto dal consiglio. Il Tesoriere predispone la bozza preliminare dei progetti di bilancio preventivo e consuntivo, coordina le attività di riscossione dei contributi e di tutti gli altri crediti dell’Associazione, istruisce ed emette i mandati di pagamento. I conti correnti che potranno essere aperti dal tesoriere devono essere intestati all’Associazione con firma disgiunta del Presidente e del Tesoriere. È fatto obbligo al tesoriere di tenere sempre debitamente aggiornato l’inventario del patrimonio sociale e di sottoporlo all’inizio di ogni anno al visto del Consiglio Direttivo.

Art.18
Il Collegio dei Probiviri è composto da 3 componenti effettivi e un supplente eletto dall'Assemblea dei soci ogni tre anni. Ad esso compete l'ufficio di dirimere tutte le controversie interne ai soci e tra questi e l'Associazione o i suoi organi con l'esclusione di ogni altra giurisdizione salvo le riserve di legge a favore dell'Autorità Giudiziaria.

Art.19
Il Collegio dei revisori dei conti è composto da tre componenti Sindaci effettivi e uno supplente, eletti dall'Assemblea dei soci. Dura in carica tre anni. Il Collegio Sindacale dei revisori dei conti partecipa alle sedute del Consiglio Direttivo con voto consultivo, esamina i bilanci da esso predisposti e redige la relazione sindacale da presentare all'Assemblea annuale.

Art.20
Il patrimonio dell'Associazione è costituito dalle quote associative, dai contributi degli associati, dagli interessi attivi, e dei beni altrimenti acquisiti. Il fondo è comune agli associati; loro creditori, eredi o aventi causa a qualsiasi titolo, non possono vantare diritti sullo stesso. Il fondo comune non può essere impiegato per finalità diverse da quelle associative. È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell'Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione siano imposte dalla Legge. Le quote non sono trasferibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non sono soggetti a rivalutazione.

Art.21
In caso di scioglimento dell’Associazione, i beni facenti parte del fondo comune saranno devoluti in opere di pubblica utilità nel campo della farmacia od in beneficenza, secondo le modalità deliberate dall’Assemblea e sentito l’Organismo di controllo secondo l’art.3) comma 190, della Legge 23 Dicembre 1996 N. 662 e salva diversa destinazione imposta dalla Legge.

Art.22
Tutto quello non previsto dal presente Statuto è rimandato alla Legge.

Image Alt

CERCOLAVORO

AGIFAR COSENZA

View more

Servizio di CERCO/OFFRO LAVORO

Image Alt

ISCRIVITIORA!

AGIFAR COSENZA

View more

ISCRIZIONE E RINNOVO

Image Alt

Convenzioni!

AGIFAR Cosenza

View more

Riservate ai soci AGIFAR Cosenza

Social

  agifarcosenza

 

CERCA